St Lucia Lake e Hluhluwe – Sud Africa

Da un paio di giorni la lunghezza delle nostre tappe di trasferimento era decisamente aumentata.

nei pressi di Sodwana Bay (Sud Africa)

nei pressi di Sodwana Bay (Sud Africa)

Eravamo partiti da Port Elizabeth diretti verso East London, dove giungemmo solo verso sera dopo diverse ore di guida interrotte solo da una bella escursione all’Addo Elephant National Park. La città, situata proprio in riva all’Oceano Indiano, era illuminata dalla calda luce del tramonto che riempiva di riflessi dorati la calme acque del mare. A East London dormimmo in un bel resort con tanti bungalow di legno immersi in un rigoglioso giardino. Appena più in basso scorreva un piccolo fiume sulle cui rive incontrammo un esemplare di aquila pescatrice.

Anche la tappa del giorno seguente fu straordinariamente lunga sia come distanza (oltre 700 chilometri) sia come durata. Guidammo per oltre dieci ore valicando i monti interni, oltrepassando Umtata (dove si teneva un vivace mercato di frutta e ortaggi) fino a raggiungere la regione dello Kwazulu Natal a est, oltre Durban. Da lì, trascorsa la notte,  proseguimmo infine verso l’estremità più orientale del Sud Africa, verso la zona costiera confinante con il Mozambico dove si trovano le stupende aree naturalistiche di Hluhluwe e del St Lucia Lake.

St. Lucia Lake (Sud Africa)

St Lucia Lake (Sud Africa)

Di primo mattino ci fermammo per un po’ nella vastissima spiaggia nei pressi di Sondwana Bay, battuta da un vento caldo e umidissimo. Notammo alcune persone che, con molta circospezione, stavano facendo il bagno sotto riva. E ben facevano ad essere così cauti: la temperatura molto fresca dell’acqua, le onde schiumose, il vento teso e la possibile presenza di squali appena un po’ al largo rendevano assolutamente pericoloso avventurarsi in mare aperto. Un po’ defilato se ne stava un gruppo di quattro uomini intenti in quello che sembrava un vero e proprio battesimo di una quinta persona adulta. Dopo un paio d’ore trascorse a riposarci sulla sabbia dorata, sotto un tiepido sole, decidemmo di recarci verso la zona naturalistica del St Lucia Lake.

coccodrilli (St. Lucia Lake, Sud Africa)

coccodrilli (St Lucia Lake, Sud Africa)

Arrivammo nel punto dove le acque di questo lago-estuario scorrono verso l’oceano quando era già pomeriggio inoltrato. Dal piccolo molo dove attraccavano le imbarcazioni che navigavano su e giù lungo il fiume osservammo il bellissimo paesaggio intorno: le acque torbide che scorrevano lente verso la foce, le foreste rigogliose che circondavano tutta la zona, le centinaia di uccelli palustri che si raggruppavano lungo gli argini dove l’acqua bassa e calma offriva loro cibo in abbondanza.

Fu allora che, proprio a ridosso della riva del fiume, vedemmo delle sagome immobili che si confondevano con il colore della vegetazione e del fango. Erano numerosi ed enormi coccodrilli che, come da loro abitudine, si stavano scaldando al sole con apparente indolenza.

ippopotami (St. Lucia Lake, Sud Africa)

ippopotami (St Lucia Lake, Sud Africa)

Il battello fluviale arrivò poco dopo per condurci verso una zona dove il corso d’acqua si allargava decisamente in un bacino che ospitava un numeroso branco di ippopotami. C’erano decine di esemplari di tutti i tipi: aggressivi maschi, alcuni dei quali riportavano sulla dura pelle evidenti segni di lotte sanguinose, femmine e tanti piccoli di cui erano visibili a mala pena le narici che spuntavano dal pelo dell’acqua. Tutta la colonia se ne stava completamente immersa nel fiume. A volte qualche maschio irrequieto spalancava le impressionanti fauci mostrando minacciosamente i lunghissimi ed affilati denti ed emettendo dei suoni cavernosi. Dopo circa un’ora Il battello girò su sė stesso e ritornò  verso il molo.

Quando rimettemmo i piedi sulla terraferma, tutto intorno le cose apparivano di colore arancione: il sole stava tramontando velocemente dietro il profilo degli alberi scheletrici all’orizzonte.

Link utili:

Kwazulu-Natal Provincial Government Official Website

(534 views)

Print Friendly, PDF & Email
Licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *