Khiva, antica capitale della Corasmia

Khiva è la meravigliosa antica capitale del Khorezm, la regione meridionale dell’Uzbekistan al confine con il Turkmenistan. Fondata secondo la leggenda da Sem, figlio di Noè, la città per secoli ha evocato immagini di carovane di schiavi e di epici viaggi attraverso i deserti abitati da tribù selvagge.

la porta est di Ichon-Qala (Khiva)

la porta est di Ichon-Qala (Khiva)

Si tratta di una città molto antica, la cui esistenza è già documentata nel VIII secolo d.c., ma ancora fino al XIV non rappresentava altro che una secondaria stazione commerciale lungo una diramazione laterale della Via della Seta che passava per la ben più importante città di Urgench, capitale della Corasmia.  Solo dopo molto tempo dopo la distruzione di Urgench da parte di Tamerlano, Khiva conobbe un periodo di sviluppo e nel 1592 divenne la capitale dello stato shayabanide-uzbeko in Corasmia. In città si avvio così un floridissimo mercato di schiavi che per secoli garantì prosperità al piccolo khanato. Il declino iniziò verso la metà del 1700 quando Khiva fu distrutta dallo scià di Persia Nadir. Interamente riscostruita alla fine del XVIII secolo fu definitivamente conquistata dai russi  bolscevichi nel 1920, quando la regione venne proclamata Republica Popolare di Corasmia, e quindi assorbita nella neonata Repubblica Socialista Sovietica dell’Uzbekistan nel 1924.

Links utili:

Ministry of Foreign Affairs of the Republic of Uzbekistan (Tourism)

Unesco World Heritage – Scheda di Khiva

 

 

(870 views)

Print Friendly, PDF & Email
Licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *