Hundertwasserhaus a Vienna

Agosto 2014.

A Vienna fa molto caldo.

Hundertwasserhaus (Vienna, Austria)

Hundertwasserhaus (Vienna, Austria)

Scendiamo alla fermata U-Bahn di Rochusgasse. Esitiamo un po’ davanti alla piantina della città per trovare indicazioni. Ci viene subito incontro un addetto della metropolitana che, con fare molto gentile, ci chiede se abbiamo bisogno di aiuto e quindi ci accompagna fino al piano strada e ci dà indicazioni molto precise sulla via da imboccare. Vielen dank. La Hundertwasserhaus è a pochi minuti di cammino, in un quartiere tranquillo, un po’ defilato e apparentemente poco interessante.

In meno di un quarto d’ora siamo arrivati in Kegelgasse: la nostra meta si trova appena dopo un palazzo cangiante sulla cui sommità, appena sotto all’orologio, si stagliano due grandi globi di metallo raffiguranti il mondo. Si tratta dell’elegante Palais des Beaux Arts risalente ai primi del ‘900.

Hundertwasserhaus (Vienna, Austria)

Hundertwasserhaus (Vienna, Austria)

La Hudertwasserhaus appare d’un tratto con i suoi vividi colori pastello e le sue forme rotonde. L’edificio progettato da Hundertwasser, originale architetto, pittore ed ecologista, ha un che di fiabesco. La facciata è multicolore, tenui blu, arancioni, ocra che sfumano verso il bianco. Le finestre sfalsate, di dimensioni differenti, le linee curvilinee che delimitano aree colorate e i livelli asimmetrici del complesso, creano un effetto particolare: l’edificio sembra un alveare irregolare con tante cellette, ciascuna di un colore differente, quasi appoggiate una all’altra in modo precario.

Hundertwasserhaus, particolare (Vienna, Austria)

Hundertwasserhaus, particolare (Vienna, Austria)

Anche al piano terra non ci sono linee rette o spigoli, tutto è morbido e rotondo: il marciapiede in porfido sul piano strada, la scalinata che conduce alla terrazza dove c’è un locale, il bordo della piccola fontana adiacente la corte di accesso alle varie scale interne. C’è anche un piccolo porticato retto da colonne smaltate dai colori accesi, che ricordano un po’ delle bottiglie o dei birilli da bowling. Si notano altri particolari: piccole piastrine a specchio sopra la corte, una feritoia a forma di bocca nei pressi della terrazza (forse ha la funzione di scolo delle acque piovane), una colonna inclinata, come se fosse appoggiata, su un balcone del primo piano. Su tutto aleggia lo spirito ecologista dell’architetto che ha portato, anche all’interno dell’edificio, una rigogliosa vegetazione di alberelli e rampicanti che sbucano un po’ ovunque, dai balconi, dal tetto e dalle piccole terrazze, facendo un tutt’uno con la casa.

Rimaniamo un po’ passeggiando sulla pavimentazione ondulata, dove alcuni bambini divertiti dalle insolite forme, giocano a rincorrersi.

Link utili:

Das Hundertwasser-haus – Home page

(417 views)

Print Friendly, PDF & Email
Licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *