Bratislava – Slovacchia

Agosto 2014. La sagoma bianca e maestosa del castello che domina una collinetta annuncia, sin da lontano, il centro storico di Bratislava.

Novy Most (Bratislava, Slovacchia)

Novy Most (Bratislava, Slovacchia)

Poco dopo, attraversando il Novy Most (il ponte nuovo con in cima un disco panoramico che gli abitanti del posto chiamano “Ufo”) passiamo sulla sponda settentrionale del Danubio, che separa la città moderna e anonima dalla parte vecchia ricca di fascino. Il centro storico non è grande, tutto raccolto all’interno di un quadrilatero coi lati di poche centinaia di metri. Su tutto incombe la fortezza quasi lucente, con il suo terrazzamento immerso in un rigoglioso parco. E’ da qui che si può ammirare tutta la vecchia città da una posizione sopraelevata, scorgendo i numerosi edifici storici e il grande fiume con i suoi ponti.

tram a Bratislava (Slovacchia

tram a Bratislava (Slovacchia

La piazza principale del centro, la Hviezdoslavovo námestie, ė curatissima. Gli edifici dalle luminose facciate ben tenute circondano un grande spiazzo su cui transitano eleganti tram di colore beige, vagamente retrò, e rosso. Presso gli hotel a cinque stelle si notano parcheggiate numerose auto di lusso: Bratislava appare come una città ricca e ordinata. Su un lato della piazza si trova il teatro dell’opera e tutto intorno alla zona pedonale vi sono decine e decine di palazzi barocchi.

Cumil (Bratislava, Slovacchia)

Cumil (Bratislava, Slovacchia)

In vari punti della città ci si può imbattere in moderne statue di bronzo assai originali che raffigurano curiosi personaggi: nei pressi del centro (tra Panskà e Rybarska Brana), Cumil ė il simpatico signore che sbuca da un tombino a livello della strada…

A nord c’è l’elegante porta di San Michele, da cui si esce dalla città vecchia sbucando nei pressi della Chiesa dei Trinitari.

campanile Cattedrale di San Martino (Bratislava, Slovacchia)

campanile Cattedrale di San Martino (Bratislava, Slovacchia)

Da qui, percorrendo una strada un po’ periferica che sale lentamente, si giunge al castello. Ma vi sono altre vie di accesso sicuramente più belle, come quelle che incomincia nei pressi della famosa Cattedrale di San Martino, dai tetti spioventi e dall’alto campanile, costeggia le antiche mura della città (dove un fabbro ė indaffarato a battere piccole barre di ferro per farne dei souvenir), attraversa con un ponte pedonale la strada trafficatissima che conduce al ponte nuovo ed, infine, si inerpica sulla collina verdeggiante fino alla fortezza. Passeggiando verso est, in posizione un po’ defilata rispetto al centro, si arriva alla relativamente  moderna Chiesa Blu di Santa Elisabetta, un bellissimo edificio dalle forme tutte arrotondate e dagli incredibili colori che sfumano dal blu, al turchese, all’azzurro, al bianco, con un colorato mosaico sulla facciata principale e con un campanile tondeggiante.

Chiesa Blu di Santa Elisabetta (Bratislava, Slovacchia)

Chiesa Blu di Santa Elisabetta (Bratislava, Slovacchia)

Il sole è ormai tramontato quando capitiamo nuovamente sul lungo fiume, che scorre placido e solenne verso est, muovendo un po’ i battelli attraccati sulle rive. Non troppo lontano, alla nostra sinistra, scorgiamo l’Apollo Bridge e alla nostra destra il Novy Most con la futuristica terrazza a forma di disco volante.

Ci incamminiamo lungo la riva fino a raggiungere uno di quegli hotel galleggianti, chiamati botel, per trascorrere la notte in una accogliente cabina…

Link utili:

Visit Bratislava – Home page (english)

(461 views)

Print Friendly, PDF & Email
Licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *